MIRIAM SI SVEGLIA A MEZZANOTTE

MIRIAM SI SVEGLIA A MEZZANOTTE


Titolo: Miriam si sveglia a mezzanotte (The Hunger)
Regia: Tony Scott
Sceneggiatura: Michael Thomas, Ivan Davis, James Costigan
Fotografia: Stephen Goldblatt
Interpreti: Catherine Deneuve, David Bowie, Susan Sarandon, Cliff De Young, Beth Ehlers, Dan Hedaya, Rufus Collins, Ann Magnuson, Suzanne Bertish, James Aubrey, John Stephen Hill, Shane Rimmer, Douglas Lambert, Bessie Love, Willem Dafoe, Sophie Ward, Philip Sayer, Lise Hiboldt, Michael Howe, John Pankov, Edward Wiley, Richard Robles, Oke Wambu
Nazionalità: Gran Bretagna, 1983
Durata: 1h. 40'
John è un vampiro. Ed è malato. Ha una malattia che colpisce solo i vampiri, portandoli ad invecchiare in maniera velocissima. A John restano ormai pochi giorni di vita quando decide di visitare una dottoressa umana per chiedere il suo aiuto. Ma la donna inizialmente non gli dà retta, capendo quanto l'uomo sia serio solo quand'è troppo tardi. Decide allora di andare a vedere la casa in cui l'uomo viveva, e lì incontra la sua affascinante compagna...

Tony Scott al suo meglio. O al suo peggio, dipende dai punti di vista. Il fratellino di Ridley ci propone qui un saggio sulla costruzione dell'immagine patinata e sul virtuosismo tecnico fine a se stesso, mascherando il tutto dietro una storia da horror romantico che sembra voler fare il verso alle cronache di Anne Rice.
Catherine Deneuve con il regista Tony ScottL'intreccio ideato da James Costigan, Michael Thomas e Ivan Davis a ben guardare non sarebbe nemmeno troppo banale, ma il materiale è poi trattato in maniera superficiale e anche un po' presuntuosa (le musiche spaziano da Schubert al rock punkeggiante, ad esempio).

Se si esclude l'impressionante sequenza in cui David Bowie invecchia a vista d'occhio in attesa di essere visitato dalla Sarandon, l'unica attrazione che il film può riservare è una scena di seduzione che vede come protagoniste proprio Susan Sarandon insieme con Catherine Deneuve. Certo un po' poco per far meritare le lodi alla pellicola, perché quello che in troppi ricordano come il miglior film di Tony Scott è stato invece a lungo - fino all'uscita de "La regina dei dannati" - il peggior film di vampiri mai realizzato. Il manifesto dell'irritante cinema pubblicitario.


Percorsi tematici

Blade II - di Guillermo del Toro; con Wesley Snipes, Kris Kristofferson, Ron Perlman.
Dracula's Legacy - di Patrick Lussier; con Gerald Butler, Christopher Plummer, Johnny Lee Miller.
Desert Vampires BLEAH - di J.S. Cardone; con Kerr Smith, Brendan Fehr, Izabello Miko.
L'ombra del vampiro - di E. Elias Merhige; con John Malkovich, Willem Dafoe Cary Elwes.
La regina dei dannati - di Michael Rymer; con Stuart Towsend, Marguirite Moreau, Aaliyah. Vampires - di John Carpenter; con James Woods, Daniel Baldwin, Sheryl Lee, Thomas Ian Griffith.

Déjà Vu - Corsa contro il tempo - di Tony Scott; con Denzel Washington.
Domino - di Tony Scott; con Keira Knightley, Mickey Rourke.
The Fan - Il mito - di Tony Scott; con Robert De Niro, Wesley Snipes.
Nemico pubblico - di Tony Scott; con Will Smith, Gene Hackman.
Spy Game BLEAH - di Tony Scott; con Robert Redford, Brad Pitt.

TRATTO DA CINEFILE.BIZ
Share This

Nessun commento:

Posta un commento

Seguici su

Google+ Followers

Lettori fissi

Designed By Blogger Templates