X-Men 3: Conflitto finale

X-Men 3: Conflitto finale



Nel prologo del film, 20 anni fa Charles Xavier ed Erik Magnus Lensherr (Magneto) vanno a trovare la famiglia Grey per parlare con Jean bambina; il colloquio è stato motivato dalla manifestazione di un enorme potere da parte della piccola, capace di sollevare col potere della sua mente molte automobili del vicinato senza sforzo; Jean è cosciente di essere diversa dagli altri mutanti, e i due le chiedono chi comanda: lei o il suo potere?

Un salto di 10 anni mostra il piccolo Warren Worthington III (Angelo/Arcangelo) mentre tenta di nascosto di tagliarsi le ali piumate che gli crescono sulla schiena; il padre lo sorprende e da qui cominciano le ricerche della ditta farmaceutica Worthington.

Dopo una sessione di addestramento nella Stanza del Pericolo (lo scenario è un futuro apocalittico dominato dalle Sentinelle) gli X-Men apprendono una novità. In collaborazione con il governo degli USA, la Worthington ha elaborato una cura definitiva per il gene mutante, caratteristica di tutti i personaggi dotati di superpoteri fin dalla nascita come gli X-Men. Il Segretario del Dipartimento Affari Mutanti, Henry "Hank" McCoy (Bestia), va dal suo ex insegnante Xavier e promette di comunicargli le novità; al laboratorio sull'isola di Alcatraz scopre che il siero è ricavato dal DNA di Jimmy (Pulce), un ragazzino mutante con l'abilità di annullare i poteri di qualunque suo simile gli si avvicini a qualche metro.
Continua su wikipedia...
Share This

Nessun commento:

Posta un commento

Seguici su

Google+ Followers

Lettori fissi

Designed By Blogger Templates