Anonymous vs Federal Bureau of Investigation: perché mai un agente dell’FBI aveva un database di ID Apple?

Anonymous vs Federal Bureau of Investigation: perché mai un agente dell’FBI aveva un database di ID Apple?


Anonymous dichiara di aver sottratto ben 12 milioni di Apple ID da un portatile di un agente dell’FBI, ma il Federal Bureau of Investigation smentisce categoricamente la sua responsabilità, sebbene sul profilo Twitter di Anonymous ne siano stati pubblicati 1 milione. Tutto iniziò 3 anni fa, quando l’agente Christopher Stangl invitava in un video sia Anonymous che LulzSec ad aderire all’FBI nella lotta al cyber crimine. In un certo qual modo, la risposta non è tardata ad avvenire e la notte del 3 settembre sono stati pubblicati ben 1 milione di numeri identificativi di dispositivi Apple, sottratti proprio dal laptop di Stangl, tramite un bug generato da Java.

La notizia ha dato il là ai prevedibili discorsi sulla questione “privacy”, ma anche alle responsabilità oggettive dell’agente e dell’FBI. La domanda che molti fan della multinazionale di Cupertino e non solo è “perché mai un agente dell’FBI aveva un database di ID Apple?”. Con questi identificativi è possibile risalire a dati personali quali nome utente, numero di cellulare, tipologia di iDevice, indirizzi e dati della carta di credito con cui si accede a i-Tunes. Già nel 2011, Apple era finita nel mirino perché si era venuti a conoscenza della cessione di info personali a società terze, senza che i possessori dei dispositivi Apple avessero dato la loro autorizzazione.
Anonymous ha volontariamente pubblicato la lista senza dati personali, allo scopo dimostrativo di far capire ai diretti interessati quanto siano vulnerabili i dispositivi. E se a pagarne le conseguenze è anche un agente dell’FBI …
Intanto il 4 settembre, sul profilo Twitter dell’FBI è apparso un comunicato in cui si è dichiarato che sebbene gli agenti siano al corrente di un report pubblicato su una possibile violazione di un portatile di un agente e dei dati personali inerenti agli UDID Apple, per il  momento mancano le prove relative ad un’eventuale compromissione.

Share This

Nessun commento:

Posta un commento

Seguici su

Google+ Followers

Lettori fissi

Designed By Blogger Templates