Twitter: gli “Hashtag” in Francia si chiamano Mot-diesé

Twitter: gli “Hashtag” in Francia si chiamano Mot-diesé

Sarà una questione di lingua, ma in Francia a quanto pare si deve parlare francese anche in materia di social network. Per questo motivo, la Commissione Generale di terminologia e neologia, facente capo al Primo Ministro, ha sancito sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Francese che il termine “Hashtag” su Twitter viene abolito per far posto a “Mot-diesé” con cui letteralmente si indicano i caratteri senza spazio seguiti dal segno # per segnalare un argomento di interesse in modo da facilitarne l’integrazione all’interno della più nota delle piattaforme di microblogging. Anche se manca in via esplicita un riferimento diretto a Twitter, la Commissione Generale di terminologia e neologia mette in evidenza come con un semplice click sul Mot-diesé”, l’internauta ha l’opportunità di accedere a tutti i post che lo contengono.

Sempre sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Francese viene messo in evidenza come il “Mot-diesé” (il cui plurale è “Mots-diesé”) è particolarmente diffuso nelle reti sociali basate sui micro-messaggi (Twitter ha infatti il limite di 140 caratteri).

Vale infine la pena notare come la “francesizzazione” avviene non solo in ambito informatico, dove ad esempio “blog” diventa “bloc-notes”, “spam” viene tradotto con “arrosage”, “bug” diventa “bogue” e “hacker” viene sostituito con “fouiner”, ma riguarda anche il campo tecnologico, visto che il temine “smartphone” viene rimpizzato con “”terminal du poche” o “ordiphone” e “webcam” lascia spazio a “cybercaméra”. E voi che ne pensate di questa “francesizzazione”? Non è la prima volta che si verifica comunque visto che “affaire ordinateur” è il vocabolo francese con cui vengono indicati i computer.
Share This

Nessun commento:

Posta un commento

Seguici su

Google+ Followers

Lettori fissi

Designed By Blogger Templates