La chiusura di Megaupload porta alla “vendetta” di Anonymous

La chiusura di Megaupload porta alla “vendetta” di Anonymous

A quanto pare quelli di Anonymous non hanno “digerito” la chiusura di Megavideo e di Megaupload. Numerosi siti statunitensi, soprattutto quelli in un certo qual modo legati al Governo, sono stati presi di mira. Qualche giorno fa, il sito OnGuardOnline.gov è “entrato nel mirino” di quelli di Anonymous.
Cosa è successo? L’homepage iniziale è stata rimpiazzato da un messaggio indicante il marchio di Anonymous. Anche il sito internet della CBS giorni fa ha subito dei rallentamenti per quasi mezz’ora.
I siti attaccati dal noto gruppo di attivisti non sono in grado di fronteggiare i suddetti attacchi informatici, denominati Distributed Denial of Service (DDOS).
Cosa sono tali attacchi?Beh, semplicemente una sorta di invio di molteplici informazioni che mandano in tilt i server che ospitano questi siti internet. Se la soglia critica viene oltrepassata, i siti “saltano”.
La querelle sulla chiusura dei siti in stile Megaupload prosegue. Vedremo quale sarà l’esito definitivo.
Share This

Nessun commento:

Posta un commento

Seguici su

Google+ Followers

Lettori fissi

Designed By Blogger Templates