Tutto su Google Drive, il cloud di Google che sfida DropBox e iCloud

Tutto su Google Drive, il cloud di Google che sfida DropBox e iCloud

Il cloud computing rappresenta una delle più interessanti novità nel panorama tecnologico degli ultimi anni, al punto che c’è già chi si chiede quando diremo addio alle chiavette USB per immagazzinare i propri documenti, iCloud e DropBox rappresentavano fino a pochi giorni i due servizi principali per archiviare i documenti. Tutti e due i servizi si rifacevano a target ne precisi: iCloud per i fan della Apple e DropBox per gli altri utenti. Quest’ultimo servizio offre 2 GB di storage gratis. L’avvento di Google Drive, il servizio di cloud computing del “Colosso di Mountain View” non ha fatto altro che aumentare la competizione nel settore: sono ben 5 i gigabyte gratuiti per archiviare e condividere documenti, video, immagini e altri file, fino ad arrivare a 16 terabyte (a pagamento).
Riportiamo perciò i prezzi mensili di questo servizio:

• 25 GB: 2,49 $
• 100 GB: 4,99 $
• 200 GB: 9,99 $
• 400 GB: 19,99 $
• 1 TB: 49,99 $
• 2 TB: 99,99 $
• 4 TB: 199,99 $
• 8 TB: 399,99 $
• 16 TB: 799,99 $

Lo scopo di questo servizio è quello di agevolare gli internauti nelle operazioni di cloud. Anche se è prevista a breve anche una versione per i dispositivi mobili della Apple, Google Drive ha come target di riferimento i possessori di smartphone Android e gli utenti dei pc che hanno Windows come sistema operativo. Di primo acchitto, DropBox sembra essere il principale avversario di google Drive ed il motivo è molto semplice: iCloud ha un target “troppo fedele”, mentre DropBox ne ha uno maggiormente eterogeneo. Non è un caso se Google offre 5 GB rispetto ai 2 di BropBox.
Share This

Nessun commento:

Posta un commento

Seguici su

Google+ Followers

Lettori fissi

Designed By Blogger Templates